Editor a blocchi Gutenberg

A partire dal rilascio di WordPress 5.0 il 6 dicembre 2018, WordPress ha un nuovo editor di contenuti predefinito. Chiamato editor Gutenberg di WordPress durante lo sviluppo, "Gutenberg" ora è solo "editor di WordPress" o "editor di blocchi" se vuoi essere più specifico.

Come utilizzare l’editor di blocchi di WordPress

L’editor a blocchi porta con sé un approccio completamente diverso alla creazione di contenuti sotto forma di blocchi (da cui il nome… ). E in questo post imparerai esattamente come creare un sito Web WordPress utilizzando quei blocchi e le altre funzionalità dell’editor per creare contenuti sul tuo sito.

Indipendentemente dal fatto che tu abbia ancora aggiornato il tuo sito a WordPress 5.0 , continua a leggere per imparare a utilizzare l’editor di blocchi di Gutenberg per creare contenuti e layout sul tuo sito.

Cos’è Gutenberg?

Gutenberg è il nome del progetto per l’editor di blocchi di WordPress, che ha sostituito l’editor TinyMCE di WordPress come editor WordPress predefinito in WordPress 5.0 .

Mentre Gutenberg era il nome ufficiale mentre l’editor era in fase di sviluppo , ora è solo “l’editor di blocchi di WordPress” o “l’editor di WordPress” perché fa ufficialmente parte del software principale. In quanto tale, in questo post mi vedrai spesso chiamarlo “editor di blocchi” piuttosto che “Gutenberg”.

Come rapido aggiornamento, ecco come appariva il vecchio editor TinyMCE di WordPress. Questo editor è ora chiamato editor classico:

Ed ecco come appaiono le cose nell’editor di blocchi di WordPress, Gutenberg:

È più di un aggiornamento estetico. Gutenberg cambia completamente l’esperienza di modifica passando a un approccio al contenuto basato su blocchi ( più su esattamente cosa sono i blocchi in un secondo! ).

Mentre l’obiettivo attuale è la creazione di contenuti, l’obiettivo finale è quello di avere l’editor di blocchi Gutenberg ” andare oltre il post nei modelli di pagina e, in definitiva, nella personalizzazione completa del sito “. Il nome ufficiale di questa modifica è editing del sito completo .

Ciò significa che, da qualche parte nel prossimo futuro, sarai in grado di costruire il tuo intero sito utilizzando i blocchi, comprese le pagine di destinazione e altri contenuti importanti. Ci sono anche alcuni temi che hanno iniziato a offrire questo tipo di editing del sito completo, anche se questi temi sono più in fase di “prova di concetto” in questo momento che qualcosa di mainstream.

Gutenberg fa parte di WordPress?

Gutenberg è stato ufficialmente rilasciato come parte di WordPress 5.0 il 6 dicembre 2018. Se hai aggiornato il tuo sito a WordPress 5.0, ora dovresti vedere l’editor di blocchi per impostazione predefinita.

Tuttavia, a causa dell’entità del rilascio, alcuni host WordPress gestiti hanno deciso di non aggiornare immediatamente i siti delle persone. Per questo motivo, è possibile che il tuo sito non esegua ancora WordPress 5.0. In tal caso, sta a te decidere se vuoi aggiornare o meno (anche se non dovresti aspettare troppo a lungo per motivi di prestazioni e sicurezza ).

Come funziona l’editor Gutenberg di WordPress

Un secondo fa, ti ho detto che Gutenberg è un editor basato su blocchi. È stato un po’ scortese lasciarti in sospeso perché, se sei come la maggior parte delle persone, potresti non sapere cosa significa.

Quindi ecco l’editing 101 basato su blocchi:

In sostanza, Gutenberg sostituisce il singolo campo di modifica dell’attuale editor di WordPress TinyMCE con molti “blocchi” individuali.

Questi blocchi consentono quindi di creare progetti più complessi di quelli consentiti nel vecchio editor classico di WordPress.

Allora cos’è un blocco?

Bene, un blocco può essere praticamente qualsiasi cosa. Ad esempio, puoi avere blocchi per:

  • Testo normale
    immagini
  • Video incorporati
    pulsanti
  • Widget ( sì, quegli stessi widget che usi nella barra laterale)
  • Tabelle
  • Eccetera.

E la cosa bella è che gli sviluppatori saranno in grado di creare i propri blocchi di terze parti a cui è possibile accedere tramite plug-in per una flessibilità ancora maggiore.

Ogni blocco è una propria entità che puoi manipolare su base individuale. Ad esempio, ecco un rapido post di Gutenberg che contiene tre blocchi:

2 blocchi di testo
1 blocco di immagini
Guarda con quanta facilità posso riorganizzare quei blocchi semplicemente trascinandoli e rilasciandoli:

E poiché ogni blocco è “separato”, puoi anche aggiungere elementi come sfondi personalizzati solo per blocchi specifici .

In generale, offre maggiore flessibilità e controllo approfondito.

Quindi Gutenberg è un costruttore di pagine, giusto?

Eh, non proprio. Almeno non nella sua forma attuale.

Gutenberg renderà molto più semplice lo stile di contenuti regolari come post di blog o pagine standard, ma non è un sostituto 1:1 per i page builder nella sua forma attuale.

Solo a livello superficiale, a Gutenberg mancano già due cose essenziali:

  • Colonne flessibili, sebbene esista un blocco di colonne di base e alcuni sviluppatori di terze parti abbiano creato blocchi interessanti.
  • Vero trascinamento della selezione: la versione più recente di Gutenberg ti consente di riorganizzare i blocchi con il trascinamento della selezione, ma non è ancora in formato libero come la maggior parte dei page builder.

Detto questo, l’editor di blocchi Gutenberg è pronto a eliminare la necessità di page builder per la maggior parte dei contenuti “standard” e crea anche un unico metodo unificato per creare layout di post più complessi in WordPress.

Ma quando si tratta di creare pagine più complesse , come una landing page, probabilmente apprezzerai la maggiore flessibilità offerta dai page builder (almeno durante la versione iniziale di Gutenberg ).

Ad esempio, nel nostro confronto tra Elementor vs Divi Builder vs Beaver Builder , puoi vedere come i principali costruttori di pagine offrono cose come:

  • Modifica libera con trascinamento della selezione
  • Vero supporto multi-colonna in cui è possibile creare un numero qualsiasi di colonne in cui trascinare singoli elementi
  • Tonnellate di modelli prefabbricati
  • Opzioni di stile avanzate, con punti per margini/imbottitura personalizzati e molto altro ancora
    Impostazioni di design reattive

L’editor dei blocchi potrebbe arrivarci un giorno. Ma almeno nella sua forma di rilascio iniziale, i page builder ti daranno comunque la flessibilità per progettare pagine standalone più complicate.

Devi usare l’editor dei blocchi? Riesci a mantenere il precedente editor di WordPress?

No, non è necessario utilizzare l’editor dei blocchi e sì , puoi continuare a utilizzare l’editor precedente di WordPress. Per disattivare l’editor di blocchi di Gutenberg e riportare il tuo sito all’editor classico dopo l’aggiornamento a WordPress 5.0, puoi utilizzare il plugin ufficiale dell’editor classico .

Leggi la nostra guida su come disabilitare l’editor di blocchi di Gutenberg per saperne di più.

Hai bisogno di un tema speciale per utilizzare l’editor di blocchi di Gutenberg?

Poiché ora è l’editor WordPress predefinito, l’editor di blocchi è progettato per funzionare con qualsiasi tema WordPress. Tuttavia, la scelta di un tema che offre specificamente la compatibilità con Gutenberg offrirà alcuni vantaggi molto reali.

Innanzitutto, i temi possono offrire uno stile integrato per tutti quei nuovi blocchi. Meglio ancora, i temi possono effettivamente caricare questi stili all’interno dell’editor . Ciò significa che puoi vedere il vero stile per i tuoi blocchi mentre crei i tuoi contenuti per una migliore esperienza WYSIWYG ( vedi una versione base di questo in azione qui )

I temi Gutenberg saranno anche in grado di offrire modelli predefiniti composti da vari blocchi in modo che tutto ciò che devi fare è collegare i tuoi contenuti ai blocchi esistenti e premere Pubblica .

Inoltre, ci sono altri piccoli vantaggi come gli allineamenti delle immagini a tutta larghezza. Quindi, puoi usare qualsiasi tema tu voglia, ma vale la pena ricontrollare per assicurarti che lo sviluppatore del tuo tema stia pianificando di aggiungere supporto.

Se vuoi solo usare un tema per i test, tutti questi temi hanno il supporto per l’editor di blocchi:

  • Neve – Neve è il nostro nuovo tema creato appositamente per funzionare con l’editor di blocchi Gutenberg.
  • Zakra: una bella opzione leggera di ThemeGrill.
  • Hestia Lite: un tema flessibile che segue i principi del design dei materiali.

Per ulteriori opzioni, dai un’occhiata alla nostra raccolta dei migliori temi WordPress compatibili con Gutenberg.

 

    Leave a Reply

    Address
    304 North Cardinal St.
    Dorchester Center, MA 02124

    Work Hours
    Monday to Friday: 7AM - 7PM
    Weekend: 10AM - 5PM